Condividi

Dona online Iscriviti alla newsletter

Rapporto Annuale 2012

Italia - scheda paese

scheda paese | aggiornamento

ITALIA

Capo di stato: Giorgio Napolitano
Capo del governo: Mario Monti (subentrato a Silvio Berlusconi a novembre)
Pena di morte: abolizionista per tutti i reati
Popolazione: 60,8 milioni
Aspettativa di vita: 81,9 anni
Mortalità infantile sotto i 5 anni: 4‰
Alfabetizzazione adulti: 98,9%

 

Sono proseguiti gli sgomberi forzati di comunità rom e la discriminazione nei loro confronti. A novembre, il Consiglio di stato ha dichiarato illegittima l’“emergenza nomadi” (uno stato di emergenza dichiarato nel 2008 in varie regioni italiane in relazione agli insediamenti di comunità “nomadi”). Le autorità non hanno risposto adeguatamente all’aumento del numero di arrivi via mare di persone provenienti dall’Africa del Nord, violando i diritti umani di migranti, richiedenti asilo e rifugiati. Razzismo e discriminazione verso minoranze quali rom e migranti non sono cessati. L’Italia non ha istituito meccanismi efficaci per la prevenzione e la punizione della tortura e altri maltrattamenti.

CONTESTO
Sull’onda della crisi economica che ha colpito parte dell’Europa, a novembre il governo di Silvio Berlusconi è stato sostituito da un nuovo esecutivo guidato da Mario Monti. A fine anno sono state varate importanti misure di austerità.

VAGLIO INTERNAZIONALE
Alcuni organismi internazionali hanno criticato il modo in cui l’Italia ha trattato rom, musulmani, migranti, richiedenti asilo e rifugiati. A settembre, il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa ha sottolineato in un rapporto che la dichiarazione dell’“emergenza nomadi” del 2008 era stata alla base di diffusi sgomberi degli insediamenti rom, spesso in violazione degli standard internazionali sui diritti umani. La dichiarazione autorizzava “commissari delegati” in varie regioni a derogare a numerose leggi, nei casi che riguardavano gli abitanti di “insediamenti nomadi”. Il rapporto ha anche sottolineato il brusco aumento di arrivi via mare dall’Africa del Nord dall’inizio dell’anno, che ha messo a dura prova il sistema di accoglienza per migranti, richiedenti asilo e rifugiati. Il Commissario ha sollecitato le autorità a rafforzare la capacità di accoglienza del paese nonché il sistema di integrazione per rifugiati e altri beneficiari di protezione internazionale. Ha anche chiesto alle autorità di garantire che, quando incontrano in mare imbarcazioni in difficoltà, l’incolumità e il soccorso delle persone a bordo abbiano priorità assoluta su tutte le altre considerazioni.

A maggio, il Comitato consultivo della Convenzione quadro del Consiglio d’Europa per la tutela delle minoranze nazionali ha reso noto il suo terzo parere sull’Italia. Ha rilevato un aumento dei comportamenti razzisti e xenofobi nei confronti di alcuni gruppi quali rom, musulmani, migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Il Comitato ha anche espresso preoccupazione per l’ulteriore peggioramento delle condizioni di vita delle comunità rom.

A luglio, il Comitato Cedaw ha reso pubbliche le proprie osservazioni conclusive, sollecitando l’Italia, tra le varie cose, a introdurre politiche per superare la rappresentazione delle donne come oggetti sessuali e per mettere in discussione gli stereotipi sul ruolo di uomini e donne nella società e nella famiglia.

DISCRIMINAZIONE
Sono stati denunciati gravi episodi di violenza razzista. La discriminazione ha colpito persone sulla base dell’orientamento sessuale, dell’appartenenza etnica e della religione.

In parlamento è stata discussa una bozza di legge che vietava l’uso del velo integrale nei luoghi pubblici. Se approvato, tale divieto avrebbe un impatto sproporzionato sulle donne che scelgono di indossare un burqa o un niqab come espressione della loro identità o della loro fede religiosa.

Violenza razzista
A dicembre, a Torino un insediamento rom è stato incendiato da alcuni abitanti locali. L’attacco è avvenuto in seguito a una protesta che, secondo quanto riferito, era stata organizzata in segno di solidarietà con una ragazza di 16 anni, che aveva accusato due uomini rom di averla stuprata. La ragazza ha successivamente ammesso di aver mentito circa la violenza subita.

Rom
Nell’ambito dell’“emergenza nomadi”, le autorità di cinque regioni hanno potuto continuare a derogare alle leggi che tutelano i diritti umani, comprese numerose norme di diritto amministrativo. Ciò ha facilitato la prosecuzione degli sgomberi forzati di comunità rom, garantendo l’impunità per tali violazioni e aggravando il livello di discriminazione nei confronti dei rom. A novembre, il Consiglio di stato ha stabilito che l’“emergenza nomadi” era illegittima.

Sono continuate le segnalazioni di sgomberi forzati in altre regioni, non incluse nell’“emergenza nomadi”.

- A Roma, le autorità hanno proseguito l’attuazione del “Piano nomadi”, programmato dopo la dichiarazione dell’“emergenza nomadi”, che prevedeva la chiusura di tutti i campi non autorizzati e il trasferimento di circa 6000 rom verso 13 campi nuovi o ristrutturati. Le autorità hanno effettuato sgomberi forzati di insediamenti rom per tutto l’anno, lasciando ogni volta le persone senza tetto. Gli sgomberi hanno avuto luogo senza adeguata notifica e senza i necessari procedimenti e, nella maggioranza dei casi, è stato offerto un riparo temporaneo solo a donne e bambini piccoli. Ngo locali hanno riferito che le condizioni e le strutture non erano conformi agli standard internazionali sull’alloggio adeguato.

- Sebbene le autorità di Milano elette a maggio non abbiano lodato pubblicamente gli sgomberi dei campi rom con i mezzi d’informazione, come avevano fatto i loro predecessori, gli sgomberi sono proseguiti in modo incompatibile con gli standard sui diritti umani. Ad aprile, le autorità hanno dichiarato che dal 2007 erano stati effettuati più di 500 sgomberi da insediamenti irregolari. Come a Roma, anche a Milano gli sgomberi non hanno seguito le procedure amministrative e le persone colpite non hanno avuto accesso a rimedi efficaci; non ci sono state reali consultazioni con gli interessati, né notifiche in tempi ragionevoli. Sono stati offerti ripari solo temporanei e soltanto a donne con bambini piccoli. Le autorità hanno iniziato a chiudere vari campi autorizzati, in alcuni casi in collegamento con i progetti edilizi per l’Expo 2015, una fiera internazionale che si tiene ogni cinque anni in un posto diverso del mondo. Gli abitanti dei campi autorizzati di via Triboniano e via Barzaghi sono stati sgomberati per vari mesi, senza che fosse fornito loro un alloggio adeguato a lungo termine. Non sono stati consultati in anticipo sulle possibili alternative allo sgombero e sulle opzioni di reinsediamento.

- Ad agosto sono entrate in vigore nuove norme che permettevano l’espulsione forzata dall’Italia di cittadini dell’Eu che non soddisfacevano i requisiti stabiliti dalla direttiva dell’Eu sulla libertà di movimento e che non avevano rispettato l’ordine di lasciare il paese entro una certa data. Sono state espresse preoccupazioni che tali norme potessero essere applicate in modo discriminatorio e aprissero la strada all’espulsione selettiva di persone appartenenti a specifiche minoranze etniche, in particolare dei rom.

Diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender
Le autorità italiane non hanno colmato le lacune della legislazione contro i crimini motivati dalla discriminazione. In conseguenza di ciò, le vittime di reati basati sull’orientamento sessuale e l’identità e l’espressione di genere non hanno avuto la stessa tutela garantita alle vittime di reati motivati da altri tipi di discriminazione.

- A luglio, il parlamento ha respinto un disegno di legge sui reati omofobici e transfobici, considerandolo incompatibile con la costituzione italiana.

RIFUGIATI, RICHIEDENTI ASILO E MIGRANTI
Nel corso dell’anno, più di 52.000 persone sono giunte in Italia via mare dall’Africa del Nord, in particolare sull’isola di Lampedusa, con un considerevole incremento rispetto agli anni precedenti. La risposta delle autorità è stata carente e ha determinato violazioni dei diritti umani di richiedenti asilo, migranti e rifugiati. Tra le azioni intraprese ci sono state espulsioni sommarie di massa, violazioni del divieto di non-refoulement e detenzioni illegali. È stata espressa la profonda preoccupazione che l’applicazione di accordi per il controllo dell’immigrazione, firmati con vari paesi nordafricani come Libia, Tunisia ed Egitto, avessero come conseguenza la negazione dell’accesso alla protezione internazionale per i richiedenti asilo e il rischio di espulsione sommaria. Le condizioni nei centri di accoglienza e detenzione non sono state conformi agli standard internazionali; richiedenti asilo e rifugiati sono stati lasciati nell’indigenza.

- A marzo, sull’isola di Lampedusa si è verificata una crisi umanitaria per l’incapacità delle autorità di garantire trasferimenti tempestivi di un numero sufficiente di persone verso la Sicilia o altre regioni italiane. Migliaia di migranti, richiedenti asilo e rifugiati sono rimasti allo sbando a Lampedusa, in condizioni spaventose e molti di loro sono stati costretti a dormire all’addiaccio, senza accesso (o con accesso limitato) a servizi igienici e senza possibilità di lavarsi.

- Ad aprile, il governo ha raggiunto un accordo con le autorità della Tunisia per il rimpatrio sommario di cittadini tunisini. Come altri accordi sul controllo dell’immigrazione, il suo contenuto non è stato pienamente reso noto all’opinione pubblica.

- A giugno, il governo ha firmato un protocollo d’intesa sul controllo dell’immigrazione con il Consiglio nazionale di transizione della Libia, in cui entrambe le parti si sono impegnate ad applicare gli accordi esistenti. Ci sono stati timori che, come negli anni precedenti, ciò avrebbe impedito ai richiedenti asilo di accedere alle procedure per chiedere la protezione internazionale e avrebbe dato luogo a violazioni del divieto di non-refoulement.

- Il 21 agosto, le autorità hanno effettuato un’operazione di “respingimento”, dopo che navi italiane avevano intercettato un’imbarcazione diretta a Lampedusa e proveniente dall’Africa del Nord. Secondo le notizie ricevute, non si era trattato di un episodio isolato ma tali operazioni venivano effettuate regolarmente.

- A settembre, alcune persone ospitate nell’affollato centro di primo soccorso e accoglienza di Lampedusa hanno appiccato un incendio per protestare contro la detenzione e la minaccia di rimpatrio forzato da parte delle autorità italiane. L’incendio ha distrutto la maggior parte delle strutture del centro. In seguito, alcune delle persone evacuate hanno protestato per le strade di Lampedusa. Scontri con la polizia e con alcuni residenti dell’isola hanno provocato numerosi feriti. In risposta a tali eventi, le autorità italiane hanno ripreso i trasferimenti verso altri luoghi del paese.

Una legge adottata ad agosto per recepire nella legislazione interna la direttiva dell’Eu sui rimpatri violava il diritto alla libertà dei migranti. La legge ha esteso da sei a 18 mesi il periodo massimo di detenzione per motivi di immigrazione. Inoltre non rispecchiava le garanzie fondamentali di tutela contenute nella direttiva sui rimpatri, indebolendo pertanto le politiche di promozione dei rimpatri volontari e favorendo al contrario la detenzione e le espulsioni forzate.

In seguito alla decisione di aprile della Corte europea di giustizia sul caso El Dridi, ad agosto la sanzione di reclusione da uno a quattro anni per non aver rispettato l’ordine di abbandonare il paese è stata sostituita con ammende. Alla Corte era stato chiesto di valutare la conformità della legge italiana con la direttiva sui rimpatri dell’Eu.

A ottobre, varie organizzazioni, tra cui l’Unhcr, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), hanno denunciato che era stata negata loro l’autorizzazione a visitare a Bari 150 persone, che erano state intercettate in mare. Di queste, più di 70 erano state immediatamente rimpatriate. Tutte le organizzazioni erano partner del governo per l’applicazione del progetto Praesidium, creato per migliorare, in termini di capienza e qualità, l’accoglienza di persone potenzialmente bisognose di protezione internazionale.

CONTROTERRORISMO E SICUREZZA
Il ricorso del governo alle leggi antiterrorismo ha continuato a essere motivo di preoccupazione.

- Ad aprile, nel caso Toumi vs. Italia, la Corte europea dei diritti umani ha stabilito che l’Italia aveva violato il divieto di tortura e altri maltrattamenti, per l’espulsione di un uomo verso la Tunisia nel 2009. La Corte ha stabilito che Ali Ben Sassi Toumi, un cittadino tunisino condannato per reati connessi al terrorismo, era stato rimpatriato forzatamente dall’Italia in Tunisia, violando l’ordinanza con cui la Corte ne aveva sospeso il trasferimento. Ha precisato che le assicurazioni diplomatiche di trattamento umano, fornite dal governo tunisino prima dell’espulsione, non annullavano il rischio di tortura e altri maltrattamenti.

Detenuti di Guantánamo Bay
Ad aprile, la stampa ha riferito che Adel Ben Mabrouk, un cittadino tunisino trasferito dal carcere di Guantánamo Bay in Italia nel 2009, era stato rimpatriato in Tunisia. A febbraio era stato condannato per reati legati al terrorismo ma era stato rilasciato dopo un periodo di detenzione preprocessuale, poiché il tribunale aveva considerato gli anni trascorsi in detenzione a Guantánamo Bay come periodo di pena già scontata.

Rendition
Dinanzi alla Corte di cassazione sono rimasti pendenti gli appelli relativi alla rendition del cittadino egiziano Abu Omar, avvenuta nel 2003. A dicembre 2010, la corte d’appello di Milano aveva confermato la condanna di 25 funzionari statunitensi e italiani, implicati nel rapimento di Abu Omar in una strada di Milano, condannandoli a pene detentive fino a nove anni. La corte aveva anche confermato, in virtù del segreto di stato, il proscioglimento di cinque funzionari di alto livello dell’intelligence italiana. I 23 funzionari americani erano stati processati in contumacia. Dopo il rapimento, la Cia aveva illegalmente trasferito Abu Omar dall’Italia in Egitto, dove era stato detenuto in un luogo segreto e, secondo le accuse, torturato.

TORTURA E ALTRI MALTRATTAMENTI
Non sono cessate le denunce di maltrattamenti commessi da funzionari delle forze di polizia. Non sono stati istituiti meccanismi efficaci per prevenire i maltrattamenti della polizia né sono state adottate misure concrete per garantire indagini appropriate e, laddove necessario, procedimenti giudiziari contro gli agenti coinvolti in violazioni dei diritti umani. Le autorità non hanno ratificato il Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura e non hanno creato un meccanismo nazionale di prevenzione contro la tortura e altri maltrattamenti, a livello di diritto interno. Inoltre, non è stato ancora inserito nel codice penale il reato di tortura.

Processi per il G8 di Genova
Dinanzi alla Corte di cassazione sono rimasti pendenti gli appelli contro i verdetti di seconda istanza, emessi dalla corte d’appello di Genova, dei processi nei confronti di funzionari delle forze di polizia, personale sanitario e guardie carcerarie, per i maltrattamenti inflitti ai partecipanti alle manifestazioni a margine del summit G8 di Genova nel 2001.

- A marzo, la Corte europea dei diritti umani ha stabilito che non c’era stata violazione del diritto alla vita in relazione al decesso del manifestante Carlo Giuliani, morto in strada a Genova il 20 luglio 2001. A maggio 2003, l’inchiesta sul carabiniere che aveva sparato provocandone la morte si era conclusa, quando la giudice per le indagini preliminari aveva stabilito che l’agente aveva agito per legittima difesa e che non poteva essere incriminato.

Decessi in custodia
- A giugno, la corte d’appello di Bologna ha confermato il verdetto di colpevolezza di prima istanza contro quattro agenti, per l’omicidio colposo del diciottenne Federico Aldrovandi. In virtù dell’applicazione di una legge sull’indulto, la condanna iniziale a tre anni e sei mesi è stata commutata in soli sei mesi. Federico Aldrovandi morì nel 2005 dopo essere stato fermato da alcuni agenti di polizia a Ferrara. Il ricorso contro la sentenza è stato presentato alla Corte di cassazione. A maggio, uno dei tre agenti di polizia, che nel
2010 erano stati condannati rispettivamente a otto, 10 e 12 mesi per depistaggio dell’inchiesta, ha ricevuto una condanna a ulteriori tre mesi, con sospensione della pena. A gennaio, un quarto agente era stato prosciolto dall’accusa di depistaggio delle indagini.

- A marzo è iniziato il processo contro una guardia carceraria per omissione di soccorso nei confronti di Aldo Bianzino e altri reati. Bianzino morì in carcere a Perugia nel 2007, due giorni dopo l’arresto. Il procedimento per omicidio contro ignoti era stato chiuso nel 2009.

- È proseguito il processo per la morte di Stefano Cucchi. Tre guardie carcerarie, sei medici e tre infermieri sono stati incriminati per vari reati, tra cui abuso d’autorità e abuso d’ufficio, lesioni personali e omissione di soccorso. A gennaio, un funzionario di alto livello dell’amministrazione penitenziaria è stato condannato a due anni di reclusione per aver falsificato documenti e per abuso di ufficio. Stefano Cucchi morì nell’ottobre 2009, diversi giorni dopo l’arresto, nel reparto penitenziario di un ospedale romano.

- A fine anno, erano ancora in corso le indagini sui presunti maltrattamenti subiti da Giuseppe Uva qualche ora prima della morte, mentre era in custodia di polizia. Morì nel giugno 2008 in un ospedale di Varese. Il processo contro un medico per omicidio colposo, presumibilmente a causa di un errato trattamento medico, era ancora in corso. A dicembre, il cadavere di Giuseppe Uva è stato riesumato per ulteriori esami forensi.

MISSIONI E RAPPORTI DI AMNESTY INTERNATIONAL
Delegati di Amnesty International hanno visitato l’Italia a marzo, aprile, luglio e novembre.

Current evidence: European complicity in the CIA rendition and secret detention programmes (EUR 01/001/2011)

Italy: Amnesty International findings and recommendations to the Italian authorities following the research visit to Lampedusa and Mineo (EUR 30/007/2011)

Italy: “Zero tolerance for Roma”: Forced evictions and discrimination against Roma in Milan (EUR 30/020/2011)

 

Scarica la scheda paese dell'Italia